Cosa si pulisce con l’acido citrico

Cosa si pulisce con l' Acido Citrico

Scopriamo insieme tre modi per utilizzare questo prodotto super versatile

L’acido citrico è sicuramente quel prodotto che bisogna assolutamente avere se si vuole pulire in modo efficace con un bassissimo impatto ambientale.

La prima ragione per cui bisogna averlo in casa è che è un prodotto multiuso adatto a tantissimi utilizzi.

Ma cosa si pulisce con l’acido citrico?

Con una soluzione di acido citrico infatti si può:

sciogliere il calcare

usarlo al posto dell’ammorbidente

sbiancare le fughe delle piastrelle

fare una pulizia disincrostante di lavatrice e lavastoviglie

pulire il bollitore dalla patina bianca

fare una pulizia periodica della macchina del caffè

Insomma avere in casa dell’acido citrico ci fa risparmiare soldi, perché è economico, ci fa risparmiare spazio perché con un solo prodotto abbiamo tati usi diversi e soprattutto ci fa risparmiare l’impatto ambientale che abbiamo quando ci occupiamo delle pulizie di casa.

disegno di un limone tagliato a metà

Che cos'è l'acido citrico

L’acido citrico è un composto organico acido, nello specifico acido tricarbossilico debole.

Normalmente si presenta come una polvere bianca cristallina e si trova negli alimenti, soprattutto negli agrumi.

Dove si trova l'acido citrico

In commercio è molto facile trovare l’acido citrico. Ormai sempre più spesso lo si può trovare al supermercato nel reparto dei detersivi. mentre online sono tantissimi i siti dove poterlo acquistare. 

Personalmente utilizzo praticamente sempre quello di Verdevero. Quest’ultimo è il mio brand di detersivi ecologici preferiti. Sono altamente performati e funzionano davvero!

Perché dovresti usare l'acido citrico per le pulizie

Si tratta di un prodotto multiuso, perciò con una sola preparazione puoi farne molteplici utilizzi, tra cui anticalcare, ammorbidente, sbianca fughe, ec. ecc.

Come preparare la soluzione di acido citrico

La soluzione di acido citrico si prepara diluendo la polvere in acqua, meglio se demineralizzata (per intenderci quella venduta come acqua per il ferro da stiro). La diluizione dipende principalmente dalla durezza dell’acqua di casa vostra.

Io ad esempio preparo per casa mia una soluzione diluita al 20% perchè l’acqua qui è molto calcarea con queste dosi:

120g di acido citrico sciolto in 600ml di acqua

1) Acido citrico come anticalcare

Calcare incrostato

Versate o se preferite spruzzate sulla superficie da pulire,  abbondante soluzione di acido citrico. Lasciate agire per 15 minuti. Se la superficie lo consente, strofinate con una spazzolina e risciacquate. Se la parte trattata non risulterà completamente pulita dopo 15 minuti, ripetete l’operazione una seconda volta.

Pulizia Ordinaria

Con un panno morbido sul quale avrete messo un po’ di acido citrico, passate le superfici che volete tenere pulite e risciacquate.

Spruzzino di acido citrico per pulire lavandino con guanti e straccio

2) Acido citrico al posto dell'ammorbidente

Un ottimo sostituto del tradizionale ammorbidente che, come tutti sappiamo, inquina molto, è proprio l’acido citrico. Quest’ultimo è di gran lunga da preferire anche rispetto all’aceto che tanti erroneamente credono sia la soluzione naturale migliore per sostituire il classico ammorbidente. L’aceto infatti, a contatto con le tubature di metallo, favorisce la liberazione di nichel andando ad inquinare le acque in cui viene versato.

Mettete la soluzione di acido citrico direttamente nello scomparto dell’ammorbidente. Se volete che i vostri panni siano anche profumati , potete aggiungere qualche goccia del vostro olio essenziale preferito. Attenzione però a non esagerare perché gli olii essenziali inquinano.

vassoi di legno con olii essenziali che inquinano più dell'acido citrico e asciugamani bianche

3) Acido citrico per sbiancare le fughe delle piastrelle

Se avete bisogno di pulire gli spazi tra le piastrelle che ormai sono anneriti, potete utilizzare l’acido citrico e rimarrete sorpresi dal risultato!

Fate penetrare la soluzione di acido citrico direttamente nelle fughe delle piastrelle. Per questa operazione io utilizzo una siringa senza ago in modo da sprecare meno prodotto possibile. Lasciate agire un quarto d’ora e strofinate con una spazzolina (va bene anche uno spazzolino da denti che utilizzerete appositamente per questa operazione) e risciacquate abbondantemente. A primo impatto la fuga potrebbe sembrare ancora sporca ma potrebbe dipendere dal fatto che alcune fughe da bagnate sono scure ma una volta asciutte si vedrà la magia! Se questo non dovesse accadere, potrebbe essere necessario ripetere l’operazione.

Vetri doccia puliti con acido citrico con bagno sullo sfondo

ATTENZIONE!

E’ sconsigliato l’uso di acido citrico su superfici come marmo, pietre o legno perché questi tipi di materiali potrebbero danneggiarsi!

Per concludere...

Questi sopra sono solo tre consigli per l’utilizzo di questo meraviglioso prodotto multiuso, ma ce ne sono molti altri!

Tu ne conosci altri?

Oppure ti piacerebbe sapere in quali altri modi utilizzarlo?

Se vuoi sapere altre cose sull’acido citrico o vuoi conoscere altri modi per pulire in modo ecologico, scrivimi! Sarò felice di aiutarti a capire come e cosa usare in base alle tue esigenze.

Diventiamo insieme la gocciolina pulita!

A presto! 

Extra...

Un altro utilizzo dell’acido citrico? Clicca qui sotto

Informazioni sull'autore

DANIELA CIPOLLETTA

Ciao! Sono Daniela e mi occupo personalmente di questo blog sulle pulizie ecologiche. Voglio darvi consigli utili perché sono fermamente convinta che ognuno può essere la gocciolina pulita che aiuterà il pianeta.   Scopri di più

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Robi

    Ciao Dani ☺
    Bello! Tutto il sito e interessante questo articolo sull’acido citrico ☺

    1. Daniela

      Grazie mille! Sono contenta ti sia piaciuto! Spero che ti piaceranno anche i prossimi!

  2. Stefania

    Ciao Dani! Complimenti!!! Il sito ha un’interfaccia molto bella e l’idea è meravigliosa! Ho trovato interessantissimo l’articolo sull’acido critico! Alla prima spesa lo compro anche io! Quando utilizzo gli anticalcari chimici oltre a sentirmi intossicata mi sento in colpa per tutti i danni che indicano dietro la confezione! Attendo con curiosità il prossimo articolo! 🤩

    1. Daniela

      grazie Stefy! Sono proprio contenta che ti sia piaciuto l’articolo! Il prossimo sarà sul percarbonato. Un altro prodotto di cui non potrai più fare a meno!

Lascia un commento